Sabato 24 Settembre 2022

La nostra presenza nella terra dell’India

La nostra  prima fondazione in India  ha avuto un periodo di incubazione piuttosto lungo, circa 10 anni. Fin dal 1967 infatti, nacque in alcune sorelle, che per iniziativa dell’Ordine lavoravano  insieme alle rappresentanti delle altre Congregazioni servitane per il rinnovamento delle Costituzioni, l’idea e il desiderio profondo di una fondazione in terra di missione pensata come un germoglio nuovo di vita evangelica autentica che ridesse vigore e speranza alla pianta che faceva fatica  ad affondare le proprie  radici nei nuovi orientamenti  del Concilio Vaticano II.

All’inizio l’idea apparve un’utopia, quasi un pericolo da contenere, una fuga individualistica proprio nel momento in cui c’era più bisogno di essere  unite e corresponsabili per rivitalizzare la famiglia. Il desiderio però era persistente,  impossibile ad accantonare.  Nell’estate del ‘69 fu introdotto nelle prime Costituzioni ad experimentum il capitolo sulle missioni caldeggiato al massimo dalle sorelle che l’avevano espressamente voluto. Nel novembre dello stesso anno  fu accolto un gruppetto di giovani indiane (ASPIRANTI)   per un momento si ebbe  l’impressione che la missione ci fosse venuta incontro, l’avevamo in casa.... Ben presto  però si tornò a insistere per un impegno missionario vero e proprio. A quel tempo l’India sembrava un terreno inaccessibile sotto ogni punto di vista, si pensava piuttosto all’America Latina. 

Anche in altre Congregazioni servitane si avanzavano proposte e spinte verso orizzonti nuovi. Si pensò a una fondazione missionaria intercongregazionale che potesse convogliare e realizzare questo impulso con meno rischi per le singole famiglie. Era il tempo delle esperienze e delle iniziative più varie e più affrettate e  delle decisioni impazienti: il rischio delle illusioni era tutt’altro che ipotetico, però lo Spirito portava a maturazione nel cuore di molti, doni nuovi per la sua Chiesa. 

Le missioni rimasero un sogno caldamente vagheggiato da alcune sorelle e puntualmente represso come una tentazione  di fuga da altre, fino al  dicembre del 1975, quando la madre generale Suor  Nicolina Valente da poco eletta, invitata  a partecipare a un viaggio esplorativo in India, rimase talmente impressionata dai bisogni e dalle immense potenzialità di quella popolazione che da  allora  in poi tentò tutti i modi per  impiantare una piccola comunità in Kerala, ove la percentuale dei cristiani e delle le vocazioni religiose sono nettamente più alte che nel resto della grande nazione.

Con l’aiuto dei Servi, già stabilitisi a Mahallapuram, madre Nicolina  ebbe un primo approccio col vescovo di Trivandrum che sembrò favorire la nostra presenza nella periferia della città, ma  nel dicembre successivo  questa speranza si rivelò illusoria. Fummo invece accolte dal nuovo vescovo di Cochin  S.E. Monsignor Joseph Kureethara il quale senza chiedere un servizio immediato offriva alla Congregazione  la possibilità di una fondazione nella sua diocesi.

A fine febbraio del 1977 fu concluso l’acquisto di un piccolo terreno a Perumpadappu  e il 3 marzo fu messa solennemente la prima pietra dell’attuale convento dedicato all’Addolorata: Our Lady of Dolours Convent.

 

Le nostre Comunità

1. Dolours Convent
2. Santa Juliana Pai Road
3. Cheranalloor – Santa Maria
4. Andhra Pradesh – Mother of Hope
5. Thungathuruthy
6. Kottagiri – Regina Pacis
7. Ims
8. Mariadam
9.Vaisambham – Mater Dei
10. Arunachal Pradesh – Mother of Sorrows Convent
11. Orissa
12. Assam
13. Ellure






 

Link della Congregazione

Most Read

Error: No articles to display